COME ARRIVARE ALL'ISOLA D'ELBA

Una delle caratteristiche che rendono l’Elba un luogo sotto molti aspetti privilegiato è data dal fatto che essa è facilmente raggiungibile. E’ la sua posizione geografica a determinarlo: la vicinanza alla costa toscana innanzitutto, poi la centralità rispetto, si può dire, all’intera area europea. In posizione centro nord all’interno del nostro Paese, l’Elba costituisce infatti la più vicina isola mediterranea per le popolazioni del Vecchio Continente. 

Per questo è luogo di vacanza abituale per  tedeschi, svizzeri, austriaci e, sebbene in misura minore, francesi, britannici e scandinavi. Va da sé che l’isola è anche facilmente raggiungibile dall’area meridionale del nostro Paese, lo dimostra la  notevole presenza di turisti provenienti ad esempio da Roma.

Perfino in relazione al mare l’Elba può vantare una collocazione invidiabile, con tratte tutto sommato brevi a separarla, oltre che dalla costa toscana, da luoghi quali Corsica e Sardegna, Riviera Ligure e Costa Azzurra, e perfino la Spagna non è poi così lontana. L’isola è dotata di un aeroporto (che, va detto con onestà, sarebbe anche il caso, di potenziare) e di discrete e capillari vie di comunicazione stradale interne. Via terra, per raggiungerla da ogni luogo si provenga, bisogna arrivare alla città di Piombino, il cui porto, in Toscana, è deputato ai collegamenti con l’Elba ma dal quale si possono raggiungere anche la Corsica e la Sardegna. Piombino è posta all’estremità di un promontorio, e il nodo di collegamento sulla grande viabilità stradale nazionale (sia per Piombino che per l’Elba) è costituito dalla cittadina di Venturina. 

Per quanto riguarda la viabilità ferroviaria, a Venturina, sulla Roma - Genova, c’è la stazione di Campiglia Marittima nella quale si cambia per Piombino. Parlando di strade invece, sempre da Venturina passa la Strada Statale n° 1 Aurelia. E' questa una Superstrada che da Rosignano, poco a  sud di Livorno, arriva fino a Civitavecchia. 

E' una arteria a quattro corsie, quasi un'autostrada insomma, tranne, purtroppo, che nel tratto Grosseto – Civitavecchia a proposito del quale, comunque, si parla da anni di un suo adeguamento. Venendo da Roma dunque, usciti dall’autostrada a Civitavecchia si percorre l’Aurelia fino a Venturina e da qui si fa l’ultimo breve tratto (solo pochi chilometri) fino al porto di Piombino. Venendo da Milano invece è conveniente seguire l’itinerario del Passo appenninico della Cisa (nell'itinerario quindi vi sono Parma, La Spezia, Pisa, Livorno, Rosignano, Cecina, Venturina... e, come sopra, eccoci a Piombino). Venendo da Torino e dal nord ovest in generale l’itinerario è lo stesso nella seconda parte, con la via maestra segnata, nella prima parte, dalla Riviera Ligure e dalla autostrada Genova – Livorno. Venendo dal Nord Est invece si passa da Bologna e Firenze per raggiungere l’Elba. Dal capoluogo toscano si raggiunge quindi Pisa con l’autostrada Firenze Mare, si scende poi verso Livorno e di nuovo l’itinerario consueto con Rosignano, Cecina e uscita a Venturina per raggiungere Piombino. I percorsi ferroviari ricalcano in tutto quelli stradali. 

Quanto al trasporto aereo l’Elba è collegata, con il suo aeroporto di Marina di Campo, ad importanti scali italiani ed europei (nel periodo primavera – estate). Orari e tratte comunque cambiano ogni anno, naturalmente con aggiunte di voli e di scali.

E infine i traghetti. Sullo stretto di Piombino, per una traversata che dura dai 30 ai 60 minuti, a seconda della nave, operano quattro Compagnie di Navigazione, con collegamenti tra Piombino Marittima e i porti elbani di Portoferraio, Rio Marina e Cavo. Sono la Toremar, la Moby Lines, la Blu Navy e la Corsica Ferries (Elba Ferries). La frequenza delle corse, nei periodi di affluenza turistica è davvero notevole: parliamo almeno di un traghetto ogni mezz’ora, dall’alba fino a notte. Le navi dispongono di ampi garages e possono quindi traghettare centinaia di autovetture ad ogni viaggio. Nei mesi di alta stagione si raccomanda, per l’autovettura, di prenotare il posto con un buon anticipo.  Nel resto del periodo primavera estate consigliamo di farlo nei fine settimana. Per quanto riguarda invece i mesi invernali, il servizio si riduce, ma agevoli e frequenti collegamenti durante la giornata sono comunque ampiamente garantiti.

 

 

  

Invia per e-mail questa pagina

 

 

 

Elba Oggi

Settimanale di attualità e cultura dell'Isola d'Elba

Direzione, Redazione e Amministrazione: info@elbaoggi.it

Registrazione Tribunale di Livorno n° 682 del 26 Febbraio 2001

Direttore Responsabile: Francesco Oriolo


Copyright © 2001-2004 Elba Oggi

Tutti i diritti riservati